Migliori Padelle in Pietra – Scelta e Recensioni

Le migliori padelle in pietra sono ideali per non far attaccare i cibi, e per garantire una diffusione omogenea del calore!

Chiariamo subito un concetto fondamentale: le padelle di pietra… non sono di pietra. Si tratta infatti di “semplici” padelle in alluminio con un rivestimento minerale, che può essere realizzato utilizzando pietre naturali come quella lavica od ollare. Non fosse così, la padella peserebbe una tonnellata e sarebbe dunque impossibile da utilizzare. La presenza del rivestimento, comunque, è utile in quanto dona una maggiore robustezza alla stoviglia, mettendola fra l’altro al riparo dai graffi, e consentendoti di preparare tutto ciò che vuoi senza usare grassi aggiunti.

Caratteristiche delle padelle rivestite in pietra

A mio avviso è molto importante studiare le sue caratteristiche, soprattutto se si parla della sua composizione. Come ti accennavo poco sopra, queste padelle vengono realizzate sovrapponendo un mix di strati, che hanno il compito di rendere la stoviglia più resistente e più efficace in sede di cottura. Sebbene il numero di strati e la loro composizione possa cambiare da padella a padella, è possibile fare un piccolo riassunto ed elencare i layer principali che di solito troviamo in queste stoviglie!

  • Pietra: lo strato superficiale, quindi quello che va a contatto con i cibi, viene realizzato usando materiali minerali naturali come la pietra, compresa quella lavica od ollare. Ha il compito di rendere antiaderente la padella, e di proteggerla dagli strumenti appuntiti come i coltelli e le forchette.
  • Strato antigraffio: sotto la copertura in particelle minerali potresti trovare alle volte uno strato antigraffio, in grado di assorbire lo stress meccanico dato dall’utilizzo di utensili appuntiti. In pratica, aumenta ancor di più la robustezza della padella, dandole la possibilità di durare più a lungo senza rovinarsi.
  • Anima in alluminio: il corpo principale della padella in pietra è in alluminio. Questa lega metallica viene considerata un must per via delle sue ottime capacità di condurre il calore. Ti ripeto che nel 99% dei casi, le padelle di pietra sono appunto composte da un corpo principale in alluminio.
  • Strato inspessito: alle volte è presente uno strato inspessito, che ha invece il compito di migliorare ulteriormente la conduzione del calore. Questo strato, che non entra a contatto con gli alimenti, è ottimo per potenziare le prestazioni della padella e per garantire una cottura di livello superiore.

Ti consiglio di controllare sempre anche la tipologia di fondo della padella, per verificare che sia o meno compatibile con i piani cottura a induzione. Il rivestimento in pietra non basta, dato che serve la presenza di un apposito fondo magnetico in alluminio-acciaio-alluminio, per poter attivare le bobine magnetiche del piano e farlo accendere. Inoltre, lo capisci anche dalla presenza del logo per l’induzione, che somiglia ad una molla rovesciata!

Nota: se vuoi realmente sfruttare le proprietà di queste pietre, ti consiglio di provare a cucinare la carne su una bistecchiera in pietra lavica od ollare!

Migliori padelle rivestite in pietra [RECENSIONI]

1. MOPITA Roccia Viva 28 cm 5 Strati in Pietra

Se stai cercando una padella in pietra semplice ed economica, ma al tempo stesso di ottima qualità, allora ti consiglio di provare la MOPITA Roccia Viva. Si tratta di una stoviglia con ben 5 strati di rivestimento, un fattore molto importante per una questione di robustezza sul lungo periodo. Pur essendo tutt’altro che professionale, questa padella ha uno strato interno autenticamente antigraffio, sebbene sia sempre il caso di evitare di “stuzzicarla” forzando con utensili appuntiti come coltelli e forchette.

  • Materiali: alluminio
  • Rivestimento: pietra (5 strati)
  • Diametro: 28 centimetri
  • Induzione: no
  • Extra: manico soft touch

Per quel che riguarda le misure, ha un diametro piuttosto standard pari a 28 centimetri. Ottimo il manico, robusto e a prova di bomba, oltre che di surriscaldamento: non a caso, ha un rivestimento esterno soft touch che non diventa bollente e che dunque ti consente di afferrarlo senza per questo scottarti. Ha inoltre una forma ergonomica che rende la presa più semplice e più salda, quindi ideale se devi spadellare come un ossesso.

Come avviene per la maggior parte di questi strumenti, anche la padella MOPITA ha un’anima centrale in alluminio e un rivestimento esterno in pietra. Considera che si tratta di un marchio italiano al 100%, e che la stoviglia in questione può essere usato su qualsiasi piano cottura, ma non su quello a induzione dato che non ha il fondino magnetico. Infine, si parla di una padella del tutto antiaderente e disponibile anche in altre misure, compresa quella da 32 cm di diametro!

2. INTIGNIS Pietra Greblon con Coperchio 28 cm

Una padella che è in realtà un gioiello. Si tratta di una delle ultime novità che ho scovato su Amazon, e ho deciso di ordinarla immediatamente. Nonostante un prezzo non economico, ha alcune chicche che difficilmente troverai in giro, soprattutto se accoppiate ad una tale qualità. Per prima cosa, la confezione include anche un coperchio in vetro pyrex resistente ad alte temperature.

  • Materiali: alluminio
  • Rivestimento: pietra Greblon e ghisa
  • Diametro: 28 centimetri
  • Induzione: compatibile
  • Extra: coperchio in dotazione

Se hai già avuto modo di provare qualsiasi padella, sai bene che non sempre il diametro della stoviglia si adatta ai coperchi che hai in casa. Si parla dunque di un piccolo extra a mio avviso molto prezioso. Il diametro corrisponde a 28 centimetri, e il rivestimento in pietra Greblon rende la superficie interna a prova di cannonate. L’altezza è pari a 8 centimetri, quindi è piuttosto capiente (4.5 litri), ed è presente anche un fondo compatibile con i piani cottura a induzione.

Fra le tante qualità interessanti, notiamo il beccuccio laterale per versare i sughi di cottura senza “sbavare” in giro, e la sua totale antiaderenza. Sappi poi che la INTIGNIS può essere usata pure come wok, per via della sua generosa profondità, e che il fondo in acciaio ha uno spessore notevole. Vuol dire che non si imbarca, anche se ne farai un uso intensivo, e che ti durerà molti anni. Infine, ha un comodo manico in bachelite che non si surriscalda, e un sensore che si accende quando la stoviglia raggiunge una temperatura ottimale!

3. Motase Set 3 Padelle in Pietra Cookware Pan

Se desideri regalarti un bel set di padelle con rivestimento in pietra, ma senza per questo spendere troppi soldi, ecco il kit di Motase. Si tratta di 3 stoviglie come sempre dotate di rivestimento interno in particelle minerali, dunque a prova di graffi, e ottime per rendere le padelle autenticamente antiaderenti. Le tre padelle include nel bundle hanno un diametro pari a 20, 24 e 28 centimetri, quindi troverai un set di strumenti adatto per qualsiasi occasione od esigenza.

  • Materiali: alluminio
  • Rivestimento: pietra (3 strati)
  • Diametro: 20, 24 e 28 cm
  • Induzione: compatibili
  • Extra: set 3 padelle

Essendo aderenti al 100% non avrai la necessità di usare olii o altri grassi aggiunti, e inoltre il rivestimento a 3 strati è assolutamente sicuro per un utilizzo alimentare, dato che non rilascia particelle tossiche. Ottime le prestazioni in sede di conduzione del calore, molto omogeneo lungo tutta la superficie delle padelle. Non manca il manico in bachelite, che non si surriscalda e che dunque non ti fa correre il pericolo di scottarti afferrandolo durante la preparazione.

Quali sono le altre caratteristiche che dovresti conoscere? Le padelle Motase hanno tutte e 3 il fondo per la cottura sui piani a induzione, e sono facilissime da pulire, ma non possono essere lavate in lavastoviglie (non si tratta di una novità, comunque). Naturalmente non potrai usarle nemmeno per la cottura in forno, visto che a causa delle elevate temperature potrebbero deformarsi. Anche in questo caso, comunque, nessuna novità in vista. Infine, hanno un design molto classico ed elegante, e un prezzo davvero conveniente!

4. Stone & Stone Set 3 Padelle Pietra Greblon

Altro giro, altra corsa, altro set contenente 3 padelle con un prezzo vantaggioso. Hanno tutte e tre un rivestimento in pietra Greblon tedesca, e sono ovviamente antiaderenti e dotate di una robustezza fuori da comune. Rispetto alle altre manca l’estetica data dalle particelle minerali, ma poco importa, perché sono comunque super efficaci ed è questo ciò che conta alla fine dei giochi.

  • Materiali: alluminio
  • Rivestimento: pietra Greblon
  • Diametro: 20, 24 e 28 cm
  • Induzione: compatibili
  • Extra: set 3 padelle + 3 coperchi in vetro

Come per il set precedente, anche in questo caso le 3 stoviglie in dotazione hanno un diametro da 20, 24 e 28 centimetri, mentre i manici sono in silicone (tendono a scaldarsi un po’, quindi ti conviene usare i guanti o le presine). Fra le altre qualità che devono essere sottolineate, troviamo la presenza del fondo circolare magnetico, cosa che ti permetterà di usarle anche sui piani cottura a induzione. Sappi inoltre che nella confezione troverai anche i 3 coperchi in vetro temperato, e si tratta di un’aggiunta molto interessante.

Considera inoltre che questo set di padelle in pietra, di origine tedesca, viene consigliato anche dagli chef stellati, sebbene non si tratti di un kit professionale. In casa le usa il mio coinquilino e posso garantirti che, da 6 mesi a questa parte, ci ha fatto letteralmente la guerra. Naturalmente ti consiglio di evitare di rigarle apposta con forchette e coltelli: pur essendo robuste per via del rivestimento in pietra Greblon, potrebbero graffiarsi se le utilizzerai con poca cura!

5. Classe Italy Wok in Pietra 5 Strati 28 cm

Ho deciso di chiudere le mie recensioni sulle migliori padelle in pietra con questo wok prodotto da Classe Italy. Si tratta di una stoviglia particolare, dato che il rivestimento interno ha un colore rossastro che simula la terracotta smaltata, ma si tratta soltanto di apparenza. Gli strati del rivestimento sono 5 in totale (3 esterni e 2 interni), e naturalmente ci troviamo di fronte ad una stoviglia del tutto antiaderente e antigraffio.

  • Materiali: alluminio
  • Rivestimento: pietra (5 strati)
  • Diametro: 28 centimetri
  • Induzione: compatibile
  • Extra: coperchio in vetro

Il corpo interno è in alluminio forgiato: significa che è più resistente se lo si mette a confronto con l’alluminio semplice, dunque tenderà a non imbarcarsi o deformarsi anche a fronte di un utilizzo massiccio. Si scalda velocemente, conduce più che bene il calore, consente una cottura uniforme degli alimenti e ha un favoloso manico con puntinatura antiscivolo. Vorrei sottolineare che, anche se il modello si chiama Tuscany, non si tratta di una padella made in Italy: poco male, perché le prestazioni sono comunque ottime. Ci sono altri dettagli da conoscere?

Questo modello include nella confezione anche il coperchio in vetro pyrex con valvolina di sfiato, ed è una padella adatta anche per un utilizzo su un piano cottura a induzione. In secondo luogo, ritornando al coperchio, questo monta sui bordi una guarnizione in gomma, che consente una chiusura ermetica della stoviglia impedendo dunque le fughe di calore. Infine, ha uno spessore elevato sia del fondo sia dei bordi, il che la rende ancor più robusta e durevole!

Come scegliere le migliori padelle in pietra

1. Materiali e rivestimento

A questo punto avrai già capito che le padelle antiaderenti in pietra sono, di fatto, una combinazione di vari strati e di vari materiali. Non sono autenticamente di pietra, dato che l’anima centrale è sempre in alluminio, mentre è il rivestimento esterno a sfruttare le particelle minerali. Considera che alle volte la pietra lavica od ollare viene mescolata con le particelle di ceramica, che hanno il compito di irrobustirla ancor di più. Sostanzialmente questo rivestimento viene utilizzato per garantire due vantaggi.

  • Massima resistenza a graffi e abrasioni: le padelle professionali in pietra offrono una protezione totale contro il rischio di graffi ed abrasioni. Vuol dire che potrai “scratcharle” con forchette e coltelli, senza temere che possa rovinarsi o staccarsi il rivestimento.
  • Perfetta antiaderenza della superficie: le particelle del rivestimento in pietra ollare o lavica servono anche per garantire la massima antiaderenza della padella. In altre parole, il cibo non si attaccherà mai e potrai cucinare senza utilizzare olii o altri grassi aggiunti.

Questi due vantaggi rappresentano un po’ l’anima del successo delle padelle di pietra. Il fatto che siano in grado di resistere alle abrasioni è comodo per una questione di durata: il rivestimento è molto robusto, e non va via grattandolo, come invece può accadere con una semplice padella di alluminio rivestita soltanto in teflon. Il secondo vantaggio, invece, assicura la possibilità di cucinare cibi sani e più salutari, dato che non sarai costretto ad usare il burro o l’olio per impedire ai cibi di attaccarsi e di bruciarsi.

2. Tipologia di alluminio e utilizzo

Chiarito il concetto relativo all’impiego della pietra, sappi che anche l’alluminio merita un approfondimento. Non è sempre uguale, perché – al pari dell’acciaio – bisogna distinguere le leghe premium da quelle economiche. Le prime posseggono infatti una capacità di conduzione del calore nettamente superiore, il che ovviamente modifica il risultato finale, rendendo la cottura degli alimenti molto più omogenea. L’alluminio, inoltre, è un metallo molto resistente, anche se bisogna saperlo utilizzare nella maniera corretta.

Al pari di tutte le padelle di questo tipo, quelle con rivestimento in pietra temono le temperature troppo elevate. Sono in grado di resistere ad un calore massimo intorno ai 250 gradi. Cosa succede se le dimentichi sul fornello o le piazzi per troppo tempo dentro al forno? Superando questa temperatura di apice, la padella quasi sicuramente si imbarcherà deformandosi, e il rivestimento si disgregherà. Non diventerà tossica, ma l’antiaderenza sparirà, rendendola di fatto inutile!

Nota: al contrario, le padelle in ghisa sono capaci di resistere a temperature molto alte, ma temono le variazioni improvvise di calore.

3. Dimensioni e spessore

Le migliori padelle in pietra hanno uno spessore maggiore, dato che questa caratteristica non solo le rende ancor più robuste, ma consente loro di migliorare la propagazione del calore. Lo spessore elevato, fra le altre cose, è ottimo anche per tollerare temperature più alte e per ridurre il rischio che la stoviglia possa imbarcarsi e deformarsi. Per quel che riguarda le dimensioni, tutto dipende dall’utilizzo che devi farne. Conta molto il diametro della padella, e lo stesso discorso vale per l’altezza dei bordi. Il mix di questi due elementi incide sulla quantità di cibo che potrai cucinare (ma è ovvio).

4. Forme e tipologie di padelle

Naturalmente sul mercato possiamo trovare una valanga di modelli di padelle in pietra differenti. Oltre alle classiche, ci sono anche i tegami a due manici, le padelle svasate con bordi molto alti, i casseruolini e le casseruole tradizionali. Sostanzialmente cambia solo il possibile utilizzo e lo scopo, dato che le caratteristiche restano comunque le stesse: la pietra usata come rivestimento, l’anima in alluminio, le proprietà antiaderenti e antigraffio, e via discorrendo.

5. Qualità del manico

Anche se spesso si sottovaluta questo aspetto, il mio consiglio è di fare molta attenzione alla qualità del manico, quando scegli il tuo prossimo set di padelle in pietra. È importante che sia fissato perfettamente alla padella, con una rivettatura forte e robusta, per evitare che possa allentarsi nel tempo o peggio ancora staccarsi. Conta anche che sia comodo da impugnare ed ergonomico, e che riesca dunque ad offrire un buon grip alla mano, per evitare che possa scivolare.

Di norma i manici sono realizzati in materiali atermici, il che vuol dire che non si riscaldano durante l’uso della padella. È un vantaggio importante, visto che in questo modo potrai afferrarla senza temere di ustionarti la mano. Alcuni manici hanno un elegante effetto legno con tanto di venature, e qui entra in gioco l’attenzione allo stile. È indubbio, infatti, che regalano un effetto ottico superiore e più pregiato.

Nota: le padelle con manici removibili possono essere usate anche in forno, dato che non occupano molto spazio. Di contro, il sistema di attacco potrebbe rompersi, essendo più debole rispetto alla classica rivettatura!

6. Compatibilità con induzione

Non tutte le padelle sono compatibili con l’induzione. Questo per via del fatto che il rivestimento in pietra di per sé non attiva la bobina, non essendo un materiale ferromagnetico. Nemmeno l’alluminio lo è. Di conseguenza, per poter usare qualsiasi padella rivestita in pietra sui piani a induzione, è necessaria la presenza del fondo magnetico in triplo strato acciaio-alluminio-acciaio. Come ti ho anticipato, la presenza di questo disco viene accompagnata da un simbolo che sembra una molla rovesciata!

FAQ: domande frequenti e risposte

1. Come sono fatte le padelle in pietra?

Come ti ho spiegato più volte, le padelle di questo tipo hanno soltanto un rivestimento in pietra, che può comprendere anche quella lavica od ollare. Poi hanno un’anima centrale in alluminio, e altri strati che migliorano la resistenza ai graffi e la capacità di non imbarcarsi o deformarsi. In sintesi, si tratta di padelle in alluminio rivestite con particelle minerali.

2. Come pulire le padelle in pietra?

Le padelle con rivestimento in pietra non temono gli shock termici e possono essere lavate anche in lavastoviglie. Personalmente ti consiglio di pulirle a mano, per prolungarne la durata, e lo suggeriscono anche gli stessi produttori (come Mopita e Tognana). Anche se sono antigraffio, evita di usare le spugnette e le pagliette metalliche, per evitare di mettere troppo alla prova il loro rivestimento in particelle minerali.

3. Cosa cucinare nelle padelle in pietra?

Letteralmente di tutto. Essendo antiaderenti e avendo un’egregia capacità di condurre il calore, puoi usarle per cuocere qualsiasi cosa: la carne, le verdure, il pesce, la pasta, le frittate, i soffritti e ovviamente anche le uova, dato che sono al 100% antiaderenti e non consentono ai cibi di attaccarsi al fondo della padella.

Padelle in pietra più vendute

crediti immagine: buygranitestone.com

Ultimo aggiornamento 2022-12-01 at 22:24 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento