Migliore Macchina per Granita – Scelta e Recensioni

Stai cercando la migliore macchina per granita? Scopri le mie recensioni, le mie opinioni e una guida alla scelta completa!

Quando arriva l’estate e il caldo si fa soffocante, bisogna trovare una soluzione per sopperire alla disidratazione e per dare un po’ di frescura alla favella. Da questo punto di vista, sono poche le opzioni utili quanto una macchina per granite. Si tratta infatti di uno strumento, manuale o elettrico, che ci consente di ottenere il ghiaccio tritato necessario per la preparazione di queste fantastiche ricette a base di sciroppo di frutta. Vediamo dunque di scoprire quali sono i migliori modelli, come funziona questa macchinetta e quali sono i fattori principali da studiare.

Come funziona la macchina per granita

Guarda, non si tratta di nulla di complicato, dato che le macchine per fare la granita in casa sono davvero semplicissime da usare. Si tratta di veri e propri tritaghiaccio, con un cestello che va riempito appunto con i cubetti e con una lama che ha il compito di sminuzzarli. Una volta che la macchinetta avrà concluso questa operazione, non dovrai fare altro che versare lo sciroppo di frutta nel cestello, avviare nuovamente la lama e ottenere così la tua gustosissima granita, miscelando gli ingredienti!

Sappi comunque che bisogna fare una distinzione fra le macchine professionali e quelle progettate per un uso domestico, decisamente meno costose. Le seconde spesso si limitano alla triturazione dei cubetti di ghiaccio, dunque la miscelazione con lo sciroppo di frutta andrà fatto in seguito e direttamente nel bicchiere, e soprattutto spetterà a te. Durante la rotazione della lama, infatti, il ghiaccio tritato cascherà dentro al bicchiere o ad una vaschetta, così potrai aggiungere dopo lo sciroppo.

Ecco come si spiega la netta differenza di prezzo, dato che i modelli professionali possono superare i 1.000 euro, mentre quelli per la casa difficilmente vanno oltre i 40 euro. Le macchine usate nei bar, infatti, si occupano della miscelazione del ghiaccio con lo sciroppo e consentono un’erogazione della granita più comoda. Questa avviene semplicemente premendo la levetta in cima al beccuccio (quindi a comando). Ad ogni modo, considera che esistono anche dei prodotti economici in grado di miscelare ghiaccio e sciroppo, ma i risultati non saranno gli stessi!

Migliori macchine per granita [RECENSIONI]

1.  KuKoo Macchina con Spessore Regolabile

Magari non sarà professionale, ma a mio avviso si tratta del miglior compromesso se stai cercando una macchina per granite di livello superiore alle medie. Il design ricorda molto da vicino quelle commerciali, con un’ampia vasca da riempire con i cubetti da tritare, e con la possibilità di regolare lo spessore del ghiaccio tritato su 2 livelli diversi. Per farlo dovrai soltanto selezionare “thin” o “tick” agendo sulla manopola che si trova sulla scocca del dispositivo.

  • Potenza: 250 watt
  • Regolazione spessore: 2 livelli
  • Quantità: 120 chili in 60 minuti
  • Funzioni extra: reverse della lama

Sulla zona superiore si trova invece il classico pulsante di ON/OFF, ma con una terza funzione in aggiunta: la reverse, che inverte la rotazione della lama per triturare anche i pezzi di ghiaccio più grossi e impegnativi. In secondo luogo, sappi che monta un potente motore da 250 watt e che la lama è capace di raggiungere ben 320 rotazioni al minuto: il che si traduce in un totale di 120 chilogrammi di ghiaccio tritabili in 60 minuti!

Secondo me è davvero difficile trovare di meglio su questa fascia di prezzo, anche alla luce della versatilità di questa macchina per granita. La possibilità di variare lo spessore ti consente di ottenere del ghiaccio perfetto anche per altre preparazioni come i dessert. Sappi inoltre che il motore non si surriscalda mai, e che la macchina ha una stabilità eccezionale sul piano di lavoro, producendo pochissime vibrazioni. Infine, c’è il classico piatto raccogli-goccia sul quale sistemare i bicchieri.

2. Ariete 78 Sweet Granita 30 Watt

Se non hai delle grosse pretese, e desideri andare al risparmio, allora sappi che questa macchinetta per fare le granite della Ariete è un piccolo gioiellino. Ovviamente non è professionale ed è piuttosto povera di funzioni, dato che non ti consente di regolare lo spessore della triturazione. Di contro, trita il ghiaccio quasi a neve ed è quindi perfetta sia per la preparazione delle granite, sia per i cocktail.

  • Potenza: 30 watt
  • Regolazione spessore: no
  • Quantità: 5 tazze in 5 minuti
  • Funzioni extra: nessuna

Il motorino non è molto potente, ma i suoi 30 Watt bastano e avanzano per tritare finemente i cubetti di ghiaccio che riuscirai ad inserire nel cestello. Considera comunque che la Ariete sconsiglia di usarla per più di 5 minuti di fila, per via del rischio di surriscaldamento del motore. Di contro, è piuttosto rapida e potrai preparare diverse granite senza per questo sforare il tempo limite!

Quali sono le altre caratteristiche da sottolineare? Ha il piatto per la raccolta delle gocce, un cestello removibile e lavabile in lavastoviglie e un nostalgico design anni ’50. Inoltre, è piccola e compatta, ha il sistema di sicurezza che impedisce al motore di danneggiarsi ed è davvero semplicissima da usare. Se accetti i suoi limiti, ti garantisco che ti innamorerai di questa macchinetta della Ariete.

3. OneConcept Icebreaker 15 kg/h 3,5 litri

Se stai cercando un prodotto di potenza più alta rispetto all’Ariete, ma senza per questo dover spendere molti soldi, ecco la soluzione. Questa macchina per le granite della OneConcept, pur non essendo professionale, ha delle caratteristiche tecniche davvero notevoli. Per prima cosa ha un’ampia brocca con capacità da 3,5 litri, ed è in grado di produrre fino a 15 chilogrammi di granita ogni 60 minuti.

  • Potenza: non specificata
  • Regolazione spessore: no
  • Quantità: 15 chili in 60 minuti
  • Funzioni extra: blocco di sicurezza

Considera inoltre che la struttura ospita una tramoggia per l’inserimento dei cubetti, e questo non solo accelera le operazioni, ma la rende anche più comoda da usare. In secondo luogo, la macchina in questione ha un doppio sistema di sicurezza integrato, con un blocco che non fa partire le lame se il vassoio di raccolta del ghiaccio non è stato montato nella maniera opportuna. Infine, è molto solido ed elegante per via della scocca in acciaio inox!

La base monta quattro piedini antiscivolo a forma di ventosa, dunque la macchina non si muove e questo evita di schizzare ovunque durante la triturazione. Ti ripeto che non si tratta di un modello professionale, quindi non conviene usarlo per troppo tempo senza pause, perché il motorino potrebbe riscaldarsi. Di contro, è una macchinetta utilizzabile anche per la preparazione dei cocktail e non solo delle granite.

4. Macchina per Cono di Neve 300 Watt

Non è economico, ma si tratta di un modello particolare: un vero e proprio trita ghiaccio utilizzabile per preparare la qualsiasi, dalle granite fino ad arrivare ai cocktail. Ha un motore piuttosto potente (300 watt) e una rotazione delle lame che raggiunge i 1.500 giri al minuto, con una produzione di 85 kg orari. Inoltre la struttura integra una pressa spingi-ghiaccio montata direttamente sopra la bocca di ingresso per i cubetti!

  • Potenza: 300 watt
  • Regolazione spessore: 2 livelli
  • Quantità: 85 chili in 60 minuti
  • Funzioni extra: blocco di sicurezza

La pressa è utilissima per una questione di sicurezza, dato che ti permette di spingere il ghiaccio fino a contatto con la lama, ma senza per questo rischiare di farti del male alle dita. In secondo luogo, ti dà la possibilità di regolare lo spessore della triturazione su due livelli diversi, così da ottenere un risultato finale perfetto sia per le granite, sia nel caso avessi bisogno di ghiaccio tritato per la conservazione dei cibi.

Facilissima da usare, ha una doppia lama in acciaio inox ad alte prestazioni e una struttura che riduce al minimo sindacale gli schizzi durante la triturazione. C’è anche un blocco di sicurezza che ne impedisce l’avvio se lasci aperta la bocca per inserire i cubetti, e i piedi antiscivolo che assicurano una grande stabilità alla macchina per granita. Infine, anche la ciotola di raccolta è in acciaio inox ed è molto ampia.

5. Rigamonti 175 Macchina per Granite Manuale

Ho deciso di chiudere le mie recensioni con questa macchina per granite ad azionamento manuale e dunque a manovella. È davvero economica e pratica, e inoltre non presentando componenti elettrici può essere facilmente lavata in lavastoviglie. Nonostante tutto, però, riesce comunque a garantire delle buone performance, e trita il ghiaccio senza troppi problemi.

  • Modello: manuale (manovella)
  • Regolazione spessore: no
  • Funzioni extra: nessuna

Considera comunque che, così come tutte le macchinette manuali, potresti trovare qualche difficoltà nel tritare i pezzi più grossi e più duri. In quei casi la lama potrebbe infatti bloccarsi e la manovella finirebbe per incepparsi. Nessun problema, perché ti basterà aprire il cestello e sbloccarla manualmente, anche se è ovvio che perderai un po’ di tempo. D’altronde questo è uno dei pochi limiti delle macchine per granita a manovella!

A livello strutturale troviamo soltanto buone notizie, dato che la plastica è di ottima qualità e resistente, e le dimensioni sono tutto sommato compatte. Anche il cestello ha una buona capienza di base, mentre le lame sono piccole ma in acciaio inossidabile. Infine, è facile da montare, ha i piedini a ventosa per garantire la massima stabilità, e una comoda chiusura spingighiaccio da premere durante la rotazione della manovella.

Come scegliere la macchina per granite

1. Tipologie e modelli

Come ti ho anticipato, sul mercato è possibile trovare due tipologie di macchine per fare le granite: i modelli manuali e quelli elettrici. I primi sono i più economici in assoluto, e spesso hanno una struttura in plastica dura. Il loro funzionamento è semplicissimo da spiegare, dato che ti basterà versare i cubetti nel cestello e azionare manualmente la rotazione della lama, agendo su un’apposita manovella. Inoltre, essendo in plastica e totalmente prive di componenti elettriche, potrai pulirle in lavastoviglie senza problemi.

Per quanto concerne le macchine elettriche, il loro funzionamento te l’ho descritto ad inizio guida. La struttura è praticamente identica, anche se potrebbero cambiare i materiali della scocca, dato che nei modelli migliori viene impiegato l’acciaio inox. In tal caso ci penserà il motorino a gestire la rotazione delle lame (anch’esse in acciaio), così da tritare il ghiaccio senza sforzo da parte di chi le usa. In sintesi, tu non dovrai fare altro che riempire il cestello con i cubetti, chiudere il coperchio, premere ON e aspettare!

2. Spessore del ghiaccio

Alcuni modelli di macchina per granita ti danno la possibilità di personalizzare lo spessore del ghiaccio, tritandolo più o meno finemente. Di solito puoi scegliere fra due livelli, uno più fine e ideale per le granite, e l’altro leggermente più spesso, stavolta indicato per la preparazione dei cocktail. Alle volte sono presenti più di due livelli di spessore, con una terza opzione ancor più spessa e pensata per la conservazione al fresco degli alimenti.

3. Capacità del cestello

Si comincia dalla capacità del cestello, dunque dalla sua capienza (misurata in grammi o litri). Da questo valore dipende la quantità di ghiaccio che potrai tritare con una sola passata, e di riflesso la quantità di granita che potrai preparare volta per volta. Nei prodotti economici il cestello è abbastanza piccolo, dunque dovrai per forza di cose perdere più tempo fra una granita e l’altra, se desideri prepararne in quantità industriale. In altre macchine, invece, il cestello può raggiungere una capacità da 1 a 3 litri (a forma di brocca), ma esistono anche delle vie di mezzo con una capacità da 300 a 700 grammi.

Infine, prima di andare avanti, sappi che il contenitore del cestello è sempre trasparente. Questo ti consente di tenere d’occhio la fase di triturazione e (nel caso) quella di miscelazione, così da ottenere una granita dalla consistenza perfetta per i tuoi gusti!

4. Potenza del motore

Può essere utile analizzare anche la potenza del motorino, che a dire il vero non ha quasi mai un wattaggio elevato. Ci troviamo in media intorno ai 30 o 50 watt, ma nei modelli professionali questo valore sale, fino a raggiungere i 1.200 watt nelle macchine per granita commerciali. Dalla potenza del motore dipende la velocità di rotazione della lama, dunque la possibilità di tritare il ghiaccio più o meno rapidamente. Inoltre, un motore potente non si surriscalda quando viene usato per diverse ore di fila.

In una macchina per granite domestica e di fascia economica il motore non può reggere questi ritmi, ma non devi preoccuparti. Spesso è infatti presente un meccanismo che scatta in automatico per mettere in protezione il motore, quando c’è il pericolo che possa surriscaldarsi.

5. Numero di vasche

Una macchina per granita domestica ed economica avrà sempre una sola vasca per i cubetti, mentre i modelli professionali potrebbero averne di più, fino a 3. Avrai già capito a cosa servono le vasche multiple: a preparare più gusti di granita insieme, tenendo separate le miscele ed evitando così di creare pasticci.

6. Elementi strutturali

Vorrei iniziare questo capitolo specificando che quasi tutte le macchinette per fare a casa la granita hanno una base, sulla quale dovrai collocare il bicchiere o la vaschetta. Questo piatto è molto utile, perché ha il compito di raccogliere le gocce e i pezzetti di ghiaccio, impedendo loro di finire sul piano di lavoro e di bagnare il tavolo. Per quanto riguarda l’inserimento dei cubetti, alcuni prodotti hanno un coperchio da sollevare o da smontare, mentre altri hanno una vera e propria tramoggia (imbuto).

Dei materiali te ne ho già parlato: è importante che la lama sia in acciaio, mentre la scocca esterna può essere anche in plastica dura ABS nelle macchine economiche. A livello di struttura, poi, vorrei sottolineare la presenza dei piedini antiscivolo, che stabilizzano la macchina durante la triturazione dei cubetti, impedendole di muoversi e riducendo al minimo le vibrazioni. Infine, conta anche la struttura interna della vaschetta: è bene che abbia gli angoli smussati, così da impedire l’accumulo di ghiaccio!

7. Accessori in dotazione

A mio avviso gli accessori non sono poi così fondamentali ma… se sono presenti, tanto meglio. In alcune macchine per granite la confezione potrebbe includere un pezzo per spingere il ghiaccio contro le lame e una paletta per la raccolta del ghiaccio tritato. Per la cronaca, in alcune macchine il pezzo spingi ghiaccio è integrato, e si tratta di una sorta di pressa montata sulla porta di ingresso per i cubetti.

8. Design e aspetto

Oggi tutti noi appassionati di cucina, quando scegliamo un elettrodomestico, facciamo caso anche al suo design. L’obiettivo è acquistare un prodotto che non sia soltanto funzionale e pratico, ma anche elegante, così da poterlo “incastrare” in cucina senza rovinare lo stile di questo ambiente. Ebbene, sappi che alcuni modelli hanno un design vintage che richiama alla memoria le macchinette per granite dei drive-in degli anni ’50. Altre, invece, hanno un aspetto più moderno e più sobrio!

Macchine per granita più vendute

crediti immagine: pixabay.com/it/photos/ghiaccio-cono-di-neve-rasato-1244640/

Ultimo aggiornamento 2021-05-14 at 23:38 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento