Miglior Essiccatore per Alimenti – Scelta, Recensioni e Opinioni

Se stai cercando il miglior essiccatore per alimenti come frutta e verdura, qui trovi le mie recensioni e una guida alla scelta!

Un essiccatore alimentare è un macchinario ideale se desideri conservare al meglio la frutta e la verdura, mantenendo parzialmente inalterate le loro proprietà nutrizionali. Si tratta infatti di un elettrodomestico davvero utile e versatile: in sintesi, consente di disidratare gli alimenti sottoponendoli ad una certa temperatura, così da far evaporare i liquidi contenuti al loro interno. Ci tengo a specificare sin da subito che un’essiccatrice non cuoce i cibi, dato che non raggiunge temperature così elevate. Non preoccuparti, perché in questa guida ti darò tutte le informazioni più importanti!

A cosa serve l’essiccatore per alimenti?

Come ti ho anticipato poco sopra, l’essiccatrice per alimenti serve per disidratare i cibi, permettendo al 95% circa dei liquidi di evaporare. Questa tecnica (antichissima) ti dà la possibilità di prolungare la durata degli alimenti, così da poterli conservare e riutilizzare più avanti. In pratica, il processo di essiccazione impedisce la creazione di un habitat perfetto per lo sviluppo di microbi e batteri: ovvero i principali responsabili della decomposizione del cibo, a causa della loro azione ossidativa.

Grazie agli essiccatori questo processo avviene naturalmente, senza l’impiego di sostanze chimiche e dunque senza inquinare il cibo. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, queste vengono parzialmente conservate, ma purtroppo la regola non vale per le vitamine A e C, che vengono distrutte durante la disidratazione. In sintesi, pur essendo sani al 100%, gli alimenti essiccati non potranno mai avere un valore nutrizionale paragonabile a quello della frutta e della verdura fresca!

Come funziona un essiccatore per alimenti?

È molto semplice da spiegare. Le essiccatrici per alimenti hanno una struttura a cassetti, all’interno dei quali dovrai sistemare la frutta e la verdura da disidratare. L’essiccazione, dunque l’evaporazione dei liquidi, avviene per merito di una resistenza e di una ventola: la prima riscalda la camera di essiccazione, mentre la seconda spinge l’aria calda in direzione dei cibi. Il movimento dell’aria, a seconda del modello, può essere verticale od orizzontale, ed entrambi i sistemi hanno i loro vantaggi e svantaggi.

Il sistema ospita anche un meccanismo per regolare la temperatura di essiccazione, a manopola o digitale, e un timer che ti consente di impostare il tempo di disidratazione (massimo 30 ore). Inoltre, in alcuni casi sono presenti anche dei programmi preimpostati, ad esempio per essiccare in automatico la carne, il pesce e molto altro ancora.

Prima di procedere, sappi che le ventole hanno un ruolo fondamentale: movimentando l’aria, permettono al calore di diffondersi in maniera uniforme dentro la camera di cottura, garantendo così una disidratazione omogenea dei cibi. Naturalmente sia il motore sia le ventole devono essere proporzionati alla capienza dell’essiccatore per frutta e verdure, per poter ottenere un risultato eccellente!

Migliori essiccatori per alimenti [RECENSIONI]

1. COSORI Essiccatore Acciaio Inox Timer 48H

Fra i migliori essiccatori troviamo questo modello della COSORI. Il design lo fa assomigliare ad una sorta di fornetto elettrico, per via della resistenza riscaldante e della ventola posta dietro la parete posteriore. In sintesi, il flusso d’aria calda è orizzontale e questo favorisce l’essiccazione uniforme di tutti i cibi messi sui vari vassoi metallici. Si tratta di un risultato che non può essere ottenuto con i classici disidratatori per alimenti a torre e dunque con flusso d’aria verticale!

  • Ventilazione: orizzontale
  • Vassoi: 6
  • Potenza: 650 watt
  • Temperature: da 35 a 75 gradi
  • Timer: da 30 minuti a 48 ore

Quali sono le sue qualità? Ha un timer regolabile fino a 48 ore e ti permette di impostare delle temperature da un minimo di 35 gradi fino ad un massimo di 75 gradi Celsius. Inoltre, può essere usato sia come essiccatore per frutta e verdura, sia per disidratare la carne, i funghi e le erbette aromatiche, rivelandosi un autentico tuttofare. Ha un potente motore da 650 watt e una scocca esterna in solido acciaio inossidabile, mentre il numero di vassoi a tua disposizione è pari a 6. I vassoi, sempre in metallo, possono essere estratti e lavati comodamente in lavastoviglie.

Il timer può essere impostato partendo da un minimo di 30 minuti, e c’è un comodo display con pulsantiera che ti permette una gestione super semplice di tutte le opzioni presenti. In secondo luogo, il COSORI ha una funzione memoria che ricorda le impostazioni precedenti, il che ti consente di accenderlo trovando gli ultimi settaggi utilizzati. Altre chicche da sottolineare? Ha diversi accessori in dotazione, ha una camera di essiccazione davvero ampia e riesce a garantire dei risultati eccezionali.

2. Severin OD 2940 Essiccatore Frutta 250 W

Se vuoi andare al risparmio, ma senza per questo sacrificare la qualità, allora ti consiglio di dare un’occhiata a questo essiccatore alimentare della Severin. Si tratta di un modello con struttura a cilindro, con la resistenza riscaldante e la ventola installate alla base, e con una serie di vassoi rotondi impilabili l’uno sopra l’altro. Le prestazioni sono buone ma, come avviene per qualsiasi modello con ventilazione verticale (quindi dal basso verso l’alto) l’essiccatura non è molto uniforme soprattutto per i cibi sui ripiani superiori.

  • Ventilazione: verticale
  • Vassoi: 5
  • Potenza: 250 watt
  • Temperature: intorno ai 50 gradi
  • Timer: assente

I ripiani sono 5 in totale, e ti consentono di essiccare qualsiasi cosa, dalla carne alla frutta e alla verdura, passando anche per il pesce, le spezie e ovviamente i funghi. Il motore non è molto potente (250 Watt), ma in realtà basta e avanza, considerando che si parla di un prodotto con una camera di essiccazione piccola. Inoltre, considera che questo modello della Severin ti consente di regolare in altezza i vassoi dal diametro di 31 cm, e produce poco rumore quando è in funzione, quindi è anche abbastanza discreto.

La temperatura di disidratazione non è modificabile, e il motore riesce (stando alla casa produttrice) a generare un calore intorno agli 85 gradi. A mio avviso, data la poca potenza del motore, non si superano i 50 gradi ma non è un problema. Ricordati però che i cibi posti sui vassoi in alto verranno sottoposti ad una temperatura minore, dato che la resistenza non si trova di lato ma sulla base. Essendo i dischi impilabili, sarai tu a decidere quanti usarne, dato che se lo vorrai potrai sistemarne soltanto uno!

La possibilità di regolare l’altezza su due livelli per ogni disco è utile, soprattutto se hai la necessità di essiccare alimenti con uno spessore superiore alle medie. Inoltre, i dischi sono facilissimi da pulire dato che sono in plastica, mentre la basicità della macchina la rende super intuitiva e semplice da usare. Considera infatti che non è presente neanche un display. Certo, questo ti limita in quanto a opzioni, ma se desideri un apparecchio poco costoso e adatto per iniziare con le essiccature, questo fa esattamente al caso tuo.

3. OSTBA Essiccatore per Frutta e Verdura 240 W

A mio avviso si tratta di una piccola sorpresa, considerando il prezzo e il fatto che si tratta di un disidratatore con flusso d’aria verticale. Nonostante abbia la resistenza collocata in basso, infatti, riesce a produrre un flusso d’aria abbastanza uniforme da essiccare in maniera omogenea anche gli alimenti sistemati in alto. Inoltre, è dotato di un display che ti consente di regolare le temperature (da 35 gradi a 70 gradi) e anche il timer, fino ad un massimo di 72 ore.

  • Ventilazione: verticale
  • Vassoi: 5
  • Potenza: 240 watt
  • Temperature: da 35 a 70 gradi
  • Timer: fino a 72 ore

Il motore ha una potenza piuttosto bassa, da 240 watt, ma come ti ho spiegato basta per una camera di dimensioni ridotte. Per quanto riguarda la struttura, troviamo 5 vassoi di forma rettangolare per sistemare i cibi e la possibilità di regolarli in altezza su due livelli (2 cm e 3,2 cm), così da poter collocare anche alimenti con uno spessore più importante. Inoltre, ogni vassoio può essere logicamente smontato e pulito anche in lavastoviglie, dato che sono fatti in plastica.

Essendo presente un display, questo essiccatore per alimenti è molto facile da usare. I pulsanti sono 5, e ti consentono di modificare le temperature, di impostare il timer, e di accendere o spegnere la macchinetta. Naturalmente i bottoni + e – servono per modificare i vari valori, sia quando imposti il tempo, sia quando inserisci la temperatura desiderata. Infine, potrai usare questa macchinetta per essiccare molti cibi, dalla carne fino alla frutta, passando per le verdure e le erbette aromatiche!

4. Kwasyo Disidratatore 8 Scomparti Display LCD

È vero che ha un suo costo, ma questa essiccatrice per alimenti può essere considerata come una delle migliori in un campo semiprofessionale. Ha infatti un sistema di ventilazione sia orizzontale sia verticale, per assicurare un risultato finale davvero omogeneo e una disidratazione sempre uniforme. Inoltre, ha un potente motore da 500 watt e ben 8 vassoi (molto ampi) sui quali sistemare gli alimenti. Infine, pur essendo in inglese, il ricettario è comodo per valutare i punti di essiccazione di molti cibi!

  • Ventilazione: orizzontale e verticale
  • Vassoi: 8
  • Potenza: 500 watt
  • Temperature: da 30 a 90 gradi
  • Timer: fino a 24 ore

Per quanto riguarda le funzioni, il Kwasyo è super accessoriato. Essendo un prodotto adatto anche per esercizi commerciali, ti consente di impostare un timer fino ad un massimo di 24 ore. In secondo luogo, potrai regolare le temperature di essiccazione partendo da un minimo di 30 gradi fino ad un massimo di 90, dunque ha un range davvero ampio e di conseguenza dimostra di essere particolarmente versatile. Ottimo per frutta e verdura, potrai usarlo anche per carne, erbe, funghi e molto altro ancora.

Considera inoltre che le temperature possono essere regolate con uno scarto di 5 gradi per ogni livello: significa che, a differenza di altri prodotti, questa macchina ti consente di avere maggior controllo sul calore prodotto dall’elemento riscaldante. Altre notizie da sottolineare? Il Kwasyo ha un corpo in acciaio inox, le griglie sono metalliche e lavabili senza problemi, e la qualità della circolazione del flusso d’aria è davvero fenomenale. Naturalmente potrai gestire tutto quanto grazie al comodo display LED!

5. Tauro Essiccatori Domus B5 Orizzontale 550W

Ho deciso di chiudere le mie recensioni sui migliori essiccatori per frutta e verdura con questo gioiello made in Italy della Tauro. Si tratta di un prodotto semiprofessionale con una potenza da 550 Watt e con 5 cestelli inclusi, che riescono ad ospitare fino a 3 chili di alimenti. Considera che questo prodotto è totalmente automatico, dato che ovviamente ti dà la possibilità di impostare il timer e le temperature: in sintesi, tu non dovrai fare altro che scegliere i valori e lasciare a lui tutta la fatica!

  • Ventilazione: orizzontale
  • Vassoi: 5
  • Potenza: 550 watt
  • Temperature: da 30 a 60 gradi
  • Timer: automatico (in base al programma)
  • Programmi: 12

Il flusso d’aria è orizzontale e quindi garantisce il massimo in termini di prestazioni e di qualità e omogeneità dell’essiccazione. È presente anche un display con un cerchio con vari spicchi colorati, corrispondenti ad un totale di ben 12 programmi preimpostati. Le temperature, in base allo spicchio selezionato, possono variare da un minimo di 20 gradi fino ad un massimo di 60 gradi. Ti assicuro che ci troviamo di fronte ad un modello brillante e super versatile, in grado di essiccare la qualsiasi e con ottimi risultati.

Quali sono le altre qualità da sottolineare? Oltre ai 5 spicchi con diverse temperature, ci sono altre 7 opzioni automatiche, che potrai selezionare in base al tipo di alimento che desideri disidratare. Ogni programma, fra le altre cose, sfrutta un tipo di ventilazione differente, oltre a modificare le temperature di essiccazione e i tempi della disidratazione. In sintesi, se parti da un buon budget e se vuoi fare il salto di qualità nell’essiccazione, ti innamorerai di questo modello della Tauro!

Come scegliere un essiccatore alimentare

1. Tecnologia di essiccazione

Sappi che non tutti gli essiccatori per alimenti funzionano allo stesso modo. Anche se lo scopo finale resta lo stesso (ovvero la disidratazione dei cibi), possono cambiare le tecnologie responsabili di questo risultato. Il sistema classico impiega una resistenza riscaldante e le ventole, ma ci sono anche altre opzioni più moderne (e decisamente più costose), che ci tengo a spiegarti!

  • Sistema standard: come ti ho detto più volte, l’essiccazione dei cibi sistemati sopra i vassoi interni avviene mediante una resistenza riscaldante e una ventola, che dà la possibilità all’aria calda di raggiungere uniformemente tutta la camera. Il flusso d’aria può spostarsi o in orizzontale o in verticale, a seconda del modello.
  • Sistema ibrido: funziona impiegando l’essiccazione solare e ad ombra. Questo sistema permette una completa eliminazione dei batteri, ma riesce a mantenere intatte le proprietà nutrizionali degli alimenti. In pratica, a seconda della modalità scelta, essicca i cibi emettendo una luce arancione (sole) o verde (ombra).
  • Sistema a infrarossi: l’essiccatore per frutta e verdura a infrarossi è in grado di accelerare la disidratazione degli alimenti, facendoti risparmiare molto tempo e uccidendo rapidamente i batteri. Anche in questo caso, però, il costo è molto più alto rispetto al sistema standard.

In sintesi, se desideri mantenerti entro una spesa intorno ai 50-60 euro ti consiglio di optare per un’essiccatrice standard. Se invece vuoi regalarti uno degli altri sistemi, sappi che dovrai sborsare una cifra intorno ai 500 euro. Ma i risultati saranno nettamente superiori, sia in termini di conservazione del gusto e colori che di mantenimento delle proprietà nutrizionali!

2. Direzione del flusso d’aria

Nei sistemi standard è importantissimo valutare la direzione del flusso d’aria creata dalle ventole, che può essere orizzontale o verticale. Siccome entrambe le tipologie hanno sia pro che contro, conviene analizzare entrambe nel dettaglio.

Flusso d’aria verticale

Una prima essiccatrice per alimenti di questo tipo monta la resistenza riscaldante e la ventola alla base della camera di essiccazione. Quando la accendi, dunque, la serpentina produce calore e la ventola “spara” il flusso d’aria dal basso verso l’alto. Il vantaggio è il seguente: questi elettrodomestici sono più compatti rispetto agli altri. Di contro, ci sono una serie di svantaggi: il cibo e i liquidi tendono a cadere sopra la ventola, complicando la pulizia, e il flusso d’aria dal basso verso l’alto non permette di essiccare in modo efficace gli alimenti posizionati sui cassetti superiori.

Una seconda tipologia vede invece la presenza di una serpentina riscaldante e di una ventola sotto al coperchio della macchina. Il flusso d’aria resta verticale, ma stavolta si diffonde dall’alto verso il basso. Si tratta di un sistema che annulla il problema della pulizia della ventola, e che riesce ad essiccare meglio gli alimenti. Ad ogni modo, considera che il risultato non sarà mai del tutto omogeneo, e infatti queste macchine hanno un costo ridotto rispetto ai sistemi standard con flusso d’aria orizzontale.

NOTA: i modelli verticali sfruttano un moto misto dell’aria, dunque non uniforme. Vuol dire che l’aria non raggiunge con la stessa efficacia tutti gli scomparti con gli alimenti.

Siccome i cibi in prossimità della serpentina si seccheranno prima rispetto agli altri, un modo per garantire una maggiore omogeneità è questo: cambiare l’ordine dei cassetti ogni tanto, così da permettere una migliore distribuzione dei flussi caldi e dunque un processo di essiccazione più omogeneo!

Flusso d’aria orizzontale

In tal caso l’elemento riscaldante e la ventola sono installati sul retro dell’essiccatore per alimenti, dunque il flusso d’aria si sposta orizzontalmente (in avanti). Questo sistema è da preferire, in quanto riesce a garantire una perfetta distribuzione del calore all’interno della camera di essiccazione, passando fra i vari cassetti e vassoi. Inoltre, essendo orizzontale, il flusso d’aria consente di non mischiare fra loro gli aromi dei vari cibi distribuiti su ogni cassetto, ed è un ulteriore vantaggio da sottolineare.

Viene anche favorito lo smaltimento dell’umidità creata dall’evaporazione dei liquidi, dato che l’aria emessa dalla ventola viene espulsa da una serie di grate sistemate dall’altro lato dell’essiccatrice. Naturalmente questi modelli hanno un costo superiore (intorno ai 150 euro), e sono più ingombranti, dunque occupano più spazio. Di contro, a mio avviso sono la scelta migliore, soprattutto perché ti permettono una migliore essiccazione, ma senza per questo andare a spendere cifre astronomiche!

NOTA: il moto degli essiccatori orizzontali è unidirezionale. L’aria viene infatti spinta fra i cassetti attraverso una serie di tunnel, raggiungendo uniformemente tutti i cibi, e spingendo l’umidità all’esterno.

Sono anche ideali se hai intenzione di essiccare spesso la frutta e la verdura, ad esempio se in giardino hai un piccolo frutteto o un orto. Per un uso sporadico e senza troppe pretese, invece, probabilmente ti conviene optare per i sistemi con flusso d’aria verticale.

3. Caratteristiche strutturali

Esistono alcune differenze fra i vari modelli, presenti soprattutto mettendo a confronto gli essiccatori con sistema verticale e quelli con flusso d’aria orizzontale. Chiaramente possono cambiare anche altri fattori, come il peso e le dimensioni, oltre al numero di cassetti disponibili per sistemare gli alimenti nella camera di essiccazione!

  • Forma: di solito un essiccatore alimentare verticale ha una struttura a cilindro, mentre quelli con flusso orizzontale sembrano dei fornetti, per via della struttura rettangolare.
  • Peso e materiali: il peso dipende dalle dimensioni dell’elettrodomestico e dai materiali usati per la scocca esterna. Il metallo chiaramente pesa di più rispetto alla plastica, ma è più robusto e dunque più durevole.
  • Numero di vassoi: più è grande l’essiccatrice, più sarà ampio il numero di vassoi per disidratare gli alimenti. Di norma si parte da un minimo di 2 cassetti fino ad un massimo che può anche superare i 6 vassoi.

I vassoi meritano comunque un approfondimento a parte, perché ci sono alcune info che potrebbero rivelarsi molto preziose in fase di scelta dell’essiccatore per frutta e verdura.

4. Caratteristiche dei vassoi

Oltre al numero, ci sono altri aspetti da studiare riguardanti i vassoi, come il sistema di collocamento e di aggancio. Anche in questo caso, le cose potrebbero essere diverse, soprattutto se mettiamo a confronto i modelli verticali con quelli orizzontali!

  • Vassoi (modelli verticali): di solito nei prodotti verticali i vassoi vengono impilati gli uni sugli altri, e si agganciano tramite un vero e proprio sistema ad incastro.
  • Vassoi (modelli orizzontali): in un essiccatore alimentare con flusso orizzontale, i vassoi possono essere estratti grazie ad un sistema scorrevole su appositi binari guida. Naturalmente possono essere smontati, così da poterli pulire senza sforzo.

Per quanto riguarda la struttura, generalmente i cassetti hanno un fondo forato, utile per migliorare la ventilazione, consentendo un passaggio dell’aria più efficace. Possono essere diversi anche i materiali, dato che potresti trovare vassoi in plastica trasparente oppure in metallo.

5. Temperature e potenza

Sicuramente saprai già che ogni alimento ha un proprio punto di essiccazione specifico, quindi è importante conoscerlo prima di avviare la macchina. Di solito la confezione include una sorta di “ricettario” che ti indica i punti di disidratazione degli alimenti più comuni: se non c’è l’informazione che cerchi, puoi fare un giro sul web e di sicuro la troverai senza sforzo!

Naturalmente tutti gli essiccatori per frutta e verdura ti consentono di modificare la temperatura, dunque il calore prodotto dalla macchina, generalmente fino ad un massimo di 130 gradi Celsius. Ricorda sempre che le temperature sono piuttosto basse e “dolci”, di conseguenza non consentono la cottura dei cibi. Sempre per quanto riguarda la regolazione, questa può avvenire in due modi.

  • Manopola con livelli: nei modelli economici, la manopola ti consente di impostare le temperature scegliendo fra vari livelli (di solito 3). Significa che non potrai controllare con esattezza le temperature prodotte dalla serpentina, a meno che non sia presente una guida con i valori nel libretto di istruzioni.
  • Manopola con gradi: è un vero e proprio termostato che ti permette di scegliere con precisione i gradi di calore prodotti dall’elemento riscaldante. È chiaro che in questo modo avrai un totale controllo sulla gestione e sulla selezione delle varie temperature, ottenendo una precisione da record.

Per quanto riguarda la potenza, il discorso è semplice: una macchina con un wattaggio superiore consente di raggiungere temperature massime più elevate. Inoltre, dà la possibilità di riscaldare uniformemente le camere di cottura più ampie. Significa che, se prendi un essiccatore piccolo, non è affatto necessaria la presenza di un motore super potente!

6. Funzioni extra

Oltre alla manopola per la regolazione delle temperature, sia essa a livelli o a gradi, esistono anche altre funzioni in aggiunta. Non aspettarti nulla di trascendentale, perché un’essiccatrice per alimenti non ha bisogno di chissà quali meraviglie, dato che nasce per svolgere un compito specifico.

  • Accensione/spegnimento: il pulsante ON/OFF ti permette ovviamente di accendere e di spegnere la macchina.
  • Timer: ti permette di impostare il tempo totale di accensione della macchina, in base ai cibi che desideri essiccare. Dipendentemente dal modello, può raggiungere le 13 ore o addirittura le 30 ore, superate le quali si spegnerà automaticamente.
  • Display: il display è molto utile per tenere sotto controllo il timer. La pulsantiera, invece, ti consente di modificare il timer e di accendere o spegnere il macchinario. In certi modelli il termostato è digitale, dunque le temperature vanno impostate tramite un pulsante e non una manopola!

Nei modelli professionali potresti anche trovare dei programmi preimpostati, ma sappi che sono una vera rarità negli essiccatori domestici. Ma sono sicuramente utili, perché ti consentono ad esempio di infilare dentro i funghi o la carne e di far partire il programma con la temperatura adatta già impostata. Non sono comunque indispensabili: conoscendo il punto di essiccatura, infatti, potrai settare il timer e lasciar fare alla macchina!

Essiccatori per alimenti più venduti

#AnteprimaProdottoVotoPrezzo
1 Melchioni Babele... Melchioni Babele... Nessuna recensione 32,99 EUR 30,99 EUR
2 SPICE TESEKO essiccatore... SPICE TESEKO essiccatore... Nessuna recensione 31,99 EUR 30,90 EUR
3 Essiccatore, Essiccatore... Essiccatore, Essiccatore... Nessuna recensione 89,99 EUR 59,49 EUR
4 COSORI Essiccatore... COSORI Essiccatore... Nessuna recensione 209,99 EUR 169,99 EUR
5 Essiccatore frutta e... Essiccatore frutta e... 61,99 EUR
6 Severin OD 2940... Severin OD 2940... Nessuna recensione 70,00 EUR 49,76 EUR
7 Essiccatori per alimenti... Essiccatori per alimenti... Nessuna recensione 79,99 EUR
8 Classe Italy Alimenti, 5... Classe Italy Alimenti, 5... Nessuna recensione 79,00 EUR 69,99 EUR
9 H.Koenig DSY700... H.Koenig DSY700... Nessuna recensione 79,00 EUR 49,90 EUR
10 Hopekings Essiccatore... Hopekings Essiccatore... Nessuna recensione 79,99 EUR

crediti immagine: lazada.sg/products/cornell-14l-food-dehydrator-machine-5-drying-racks-fruits-dryer-and-dog-treat-maker-cfde1403t-i486284690.html

Ultimo aggiornamento 2021-08-03 at 17:21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento